HR | EN | DE | IT | PL
Menu
Home » Vivere Vodice » Patrimonio culturale

Chiesetta di Santa Croce

Questa semplice chiesa gotica fu costruita nel 1402. Fu intitolata a Santa Croce nel 1421, quando divenne anche chiesa parrocchiale. Nei suoi dintorni era presente anche un cimitero. 

La chiesetta, costruita in stile gotico, è un tipico esempio di architettura religiosa rurale. Un dettaglio di valore è rappresentato da un'antica fonte battesimale su pilastro, un esempio unico in quest'area della Dalmazia.

Chiesa parrocchiale di Santa Croce

La chiesa parrocchiale di Santa Croce fu costruita dal noto maestro del barocco dalmata, Ivan Skok. Nel 1725, Skok lavorò alla cappella dell'altare maggiore, che venne integrata alla chiesa in un successivo momento di espansione della stessa (dal 1746 al 1749), quando fu dotata di un'armoniosa facciata, di un portale barocco con un magnifico rosone, e di pareti laterali con finestre barocche ovali.

L'autore delle pale d'altare è il famoso pittore di affreschi decorativi Eugenio Moretti Varese. Le pale, tra le quali una rappresenta la Sacra Famiglia e l'altra il Cuore di Gesù con i santi Vinko Mučenik e Stanislav Kostka, furono commissionate molto probabilmente nel 1851.

Il campanile è opera del maestro Vicko Macanović di Ragusa (Dubrovnik). La chiesa fu consacrata nel 1760.

Torre di Čorić

Nel 1646, la famiglia Fondra costruì una torre a tre piani, fatta di bella pietra bianca intagliata. Sulla torre è presente lo stemma con un casco e un pennacchio, un'oca e le lettere H.S. 

Al secondo piano sono situati un esempio interessante di lavandino e un camino raro. Accanto alla torre e al muro che dà sul cortile, è possibile osservare ancora il vecchio stile di posa delle piastrelle noto come "sul coltello", uno dei pochi conservati nelle nostre aree rurali costiere.

Pozzi

Vodizze (Vodice) si è sviluppata vicino ad una fonte d'acqua viva. Nella piazza, sotto la chiesa parrocchiale, esistevano in passato due pozzi, intorno ai quali si svolgeva la vita rurale. 

Dal pozzo superiore (più vicino alla chiesa parrocchiale) veniva presa l'acqua potabile, mentre il pozzo più basso era fornito di acqua di qualità e quantità minori, utilizzata per fare il bucato oppure per altre esigenze familiari.

Okit

Guardando dal mare, il panorama di Vodizze (Vodice) è dominato dalla collina Okit con la Chiesa di Nostra Signora del Carmelo. 

La prima chiesa su queste colline fu costruita nel XVII secolo, probabilmente sulle fondamenta di una cappella esistita precedentemente. In seguito, all'inizio del XX secolo, dai piedi della collina fino in cima fu realizzato il Sentiero della Croce con quattordici piccoli capitelli, ciascuno dei quali simboleggia una delle stazioni verso la strada della Croce. 

La Chiesa fu ampliata in diverse occasioni, fu distrutta due volte, durante la Seconda Guerra mondiale e durante la Guerra d'indipendenza croata. L'aspetto odierno della chiesa di Nostra Signora del Carmelo è opera dell'architetto zarese Nikola Bašić.

 

Rifugio rurale in pietra a Rašin

I rifugi rurali in pietra (bunje) sono sparsi lungo tutto il Mediterraneo, mentre per quanto riguarda la costa adriatica croata sono più diffusi nelle zone di Sebenico (Šibenik) e Zara (Zadar). Queste vecchie costruzioni, dal procedimento di costruzione caratteristico, sono generalmente circolari, anche se possono essere di forma rettangolare o irregolare.

Chiesa di San Giovanni Battista

L'insediamento di Rakitnica viene menzionato nel 1311, mentre oggi sono ancora visibili i resti delle vecchie e case e delle mura costruite a secco. 

La chiesa di San Giovanni Battista, situata nei pressi dell'insediamento, è stata costruita nel 1445, quando fu fondata la parrocchia di Rakitnica. Vi si celebrano le messe due volte all'anno, durante le feste di San Giovanni Battista.

Chiesa di Sant'Elia il Profeta

La chiesa è stata costruita dagli abitanti della località di Pišć ancora nel 1298. La chiesetta fu consacrata a Sant'Elia il Profeta nel 1493. 

È circondata da una parete ovale. Nell'area in cui sorge si scorgono le tracce di un cimitero. Una volta all'anno, il 20 agosto, vi si celebra la messa.

Residenza estiva della Famiglia Vrančić

L'isola di Prvić viene menzionata già nell'XI secolo, anche se diventa più intensamente popolata solo nel XV secolo, quando la popolazione fugge dalla terraferma per ripararsi dalla minaccia turca. Sull'isola sorgono due insediamenti: Prvić Luka e Šepurine, collegati da una strada. 

Le terre dell'isola erano per la maggior parte di proprietà delle famiglie nobili di Sebenico (Šibenik), che vi costruirono case di campagna, tra le quali si annovera anche la residenza estiva della nota famiglia Vrančić.

Chiesa di Santa Maria o Madonna della Misercordia

Dopo che a Prvić Luka si stabilirono i frati glagolitici, a partire dal 1461, venne avviata la costruzione della chiesa di Santa Maria o Madonna della Misericordia con un monastero. La data di completamento dell'opera è ignota, ma esistono prove certe che nel 1479 essa fosse ancora in fase di costruzione.

La chiesa della Natività di Maria Santissima fu costruita nel 1479, per opera della famiglia Ambrozović di Sebenico (Šibenik). 

Fu ampliata e ristrutturata nel 1878. La chiesa ha un altare e davanti presenta un pozzo. Essa non è più in funzione.

Chiesa di San Rocco o Sant'Elena

Nel centro di Šepurine, lungo la costa, è presente la chiesa di San Rocco o di Sant’Elena, costruita e consacrata nel 1620. 

All'interno della chiesa emerge un altare in legno di San Rocco, ricco di decorazioni barocche.

Chiesa dellAssunzione di Maria

Sul colle sopra l'abitato sorge la chiesa dell'Assunzione di Maria, costruita nel 1878. 

La facciata principale presenta la scritta: Hoc templum aedifigatum A. D. 1878. La chiesa fu ristrutturata in due diversi periodi, nel 1898 e nel 1938.

Centro Memoriale Faust Vrančić

Nel Centro Memoriale di Faust Vrančić potrai conoscere la vita e il lavoro di Faust Vrančić, uomo che oggi il mondo si ricorda per la maggior parte come inventore di Homo Volans - l'uomo volante, ma era molto di più ... Guardi la raccolta dei modelli delle sue invenzioni, alcune delle quali sono dimensioni reali della vita e le sue opere più importanti scritte. I display multimediali forniscono anche giochi educativi per i visitatori più giovani.

Tour autoguidato QR

Vodice è un centro turistico, famoso per la sua vitalità, la diversità dell'offerta turistica e gli ospiti cordiali. È anche una pittoresca città dalmata dove molti monumenti culturali e storici ti stanno aspettando, testimoniando la sua ricca storia. Passeggia nel centro della città e conosci la ricca storia di strade strette, chiese e case di pietra. I nostri pannelli informativi con i codici QR ti aiuteranno a ottenere informazioni dettagliate su luoghi specifici.

  • Lunghezza del percorso: 1 km
  • Durata: 45 min

Mappa del percorso QR

"L'acqua - Potente Creatrice della Storia"

Percorso culturale L'acqua - potente creatrice della storia scoprirà 20 attrazioni culturali e storiche della Contea di Sebenico-Knin in 6 siti. Vicino a Vodice è possibile visitare Velika Mrdakovica - Arauzona, collina Okit - Santuario di Nostra Signora del Carmelo, cisterna romana, isola Prvić e Prižba a Srima.

Questo percorso culturale collega la costa, le isole, l'entroterra e la NP Krka. È adattato ai desideri di ospiti e visitatori per programmi di un giorno o di più giorni.

Itinerario a piedi - Viaggio nella storia

I primi insediamenti si svilupparono nell'entroterra di Vodice in epoca preistorica. I lati della strada che entra nella città nascondono le nostre radici e la storia che ha condizionato la vita di oggi in questa zona. Rakitnica, Mrdakovica, Pišća, Kamena e Okit sono i nomi delle proprietà fertili dei nostri preziosi agricoltori e una volta erano i villaggi in cui vivevano i nostri antenati. Numerose prove materiali testimoniano la vita continua in questi campi dall'età del ferro.

  • Lunghezza del percorso: 15 km
  • Durata: 3,5 ore

Mappa del percorso